Semi per crescere insieme

In una società in cui l’infanzia vive in un mondo virtuale e subisce un’influenza fortissima da parte delle nuove tecnologie e dalle loro applicazioni (telefonini, computer, videogiochi) e della televisione, è fondamentale che i bambini e i ragazzi recuperino un contatto con la realtà e con il proprio corpo attraverso esperienze fisiche e sensoriali e con le proprie emozioni.

Questo vale per tutti ma a maggior ragione per i ragazzi con disabilità, che di solito vengono iperprotetti dai genitori, deprivati di esperienze concrete e ostacolati nell’acquisizione del processo di realtà anche nei suoi aspetti negativi.

 

Il progetto ha come obiettivi:

- arricchire il percorso di crescita del bambino mediante esperienze concrete plurisensoriali ed emotive;

- favorirne la crescita psico-affettiva facendo in modo che impari attraverso i sereni ritmi della natura il valore dell’attesa, affinché non rimanga prigioniero della primitiva necessità di soddisfare immediatamente i propri bisogni;

- enfatizzare il valore della cooperazione e del lavoro condiviso;

- fornire elementi conoscitivi sui cicli della natura e della catena alimentare;

- porre le basi per una coscienza ecologica.

 

L’attività si articola con varie modalità:

  1. il personale specializzato e formato guiderà i ragazzi alla gestione delle varie zone coltivate, proponendo un’esperienza sul campo che li porterà a conoscere le caratteristiche di piante, arbusti, erbe officinali, fiori e ortaggi, a scoprire i magici legami tra terra, sole, acqua e cibo e a comprendere come vengono generate le fonti di alimentazione quotidiana;
  2. Il lavoro nell’orto aiuterà grandi e piccoli aiuterà a sperimentare le proprie abilità, confrontandosi con quelle degli altri e comprendendo l’importanza dell’aiuto reciproco;
  3. è stato appositamente realizzato un “percorso sensoriale” che, attraverso i particolari sentieri che collegano le diverse zone “dei colori”, “degli odori”, “dei sapori”, “dei rumori e delle voci” e del “tatto”, permetterà ai ragazzi di vivere un’esperienza arricchente e stimolante di integrazione sensoriale;
  4. particolare attenzione verrà dedicata all’osservazione delle dinamiche relazionali e del livello di partecipazione dei vari pazienti che costituiranno materiale per riunioni dell’équipe educativa/riabilitativa.

I destinatari del progetto sono i pazienti che frequentano il Centro e altri ragazzi seguiti delle numerose Onlus che lavorano all’interno dell’Ospedale; sono inoltre previste giornate dedicate a gruppi di bambini e ragazzi o classi (dalla materna alla media inferiore) per i quali, in accordo con i loro insegnanti/educatori, verranno preparati programmi mirati alle diverse esigenze o a particolari obiettivi.